Archivi tag: culo sfondato

Scopata anale con la mamma del mio amico

Io e Andrea siamo amici da una vita. Ci siamo conosciuti all’asilo, abbiamo frequentato le elementari insieme, le medie insieme e le superiori nello stesso istituto. Ci conosciamo praticamente da quando avevamo solo 4 anni, oggi ne abbiamo 25 e sono ben 20 anni che la nostra amicizia non ha mai avuto un cenno di crollo.
Andrea è un ragazzo sicuramente più timido di me, io sono sempre quello che lo ha incoraggiato negli incontri con qualche ragazza, che lo ha spinto a trombarsele tutte e che come parole d’ordine usa “figa”.

Io sono il tipo sveglio, ma anche quello che però non ha avuto mai il coraggio di dire al proprio migliore amico un segreto, ovvero quello che da quando avevo 14 anni mi segavo pensando a sua madre. Oggi è diventata una MILF nel vero senso della parola, ha due tettone che parlano da sola, due occhi penetranti ed un corpo che farebbe invidia alle ragazzine.
Continua la lettura di Scopata anale con la mamma del mio amico

Scopata anale con la mia ex ragazza

Luisa è la moglie del mio migliore amico Sergio. Mi piaceva tantissimo ma lui me l’ha soffiata. Era la ragazza dei miei sogni e c’è voluto del tempo per digerire la delusione. Poi ho incontrato Paola, mia moglie e ci siamo sposati. In tutti questi anni noi quattro ci siamo ritrovati per qualche cena, qualche capodanno o a ballare.

Una sera ballavo con Luisa e le ho detto che non l’ho mai dimenticata, che la desideravo come tanti anni prima. Lei ha abbassato una mano stringendomi il cazzo come avrebbe fatto un’amante. Stando attento che nessuno ci vedesse, le davo dei baci furtivi sul collo, ha sentito il cazzo impennarsi e con una coscia lo stuzzicava: da quella sera erano passati diversi mesi.
Continua la lettura di Scopata anale con la mia ex ragazza

Il trombatore seriale ama farlo strano

Lo ammetto, sono un tipo strano. Apparentemente non ho nulla che non va, sono un impiegato modello di una ditta di trasporti, sono molto ligio al dovere e vado a lavorare anche con la febbre alta.
Sono stato sposato per 12 anni, poi mia moglie, che amavo tantissimo, è morta in un tragico incidente stradale.
Ho avuto uno shock incredibile che mi avrà scombussolato, fatto sta che, dinanzi al corpo inerme della mia amata moglie, il dolore immenso si è trasformato in un imbarazzante quanto esuberante eccitazione.

Tutto è iniziato da quel momento.
Da allora non riesco a fare sesso se non con donne che sono morte o che sembrano tali. Infatti non essendo materialmente possibile fare sesso con una morta se non vuoi fare una visita all’obitorio, lo stratagemma consiste nello scopare donne che fanno finta di essere morte.
Chiaramente quando inizio una relazione, appena il mio partner viene a conoscenza della mia fissazione, quasi sempre mi lascia in tronco ma devo dire che, quando trovo la donna giusta, anche lei trova particolarmente eccitante la situazione.
Qualche mese fa avevo incontrato una biondina tutto pepe con cui era scattato un bellissimo feeling.
Usciamo per un po e, al momento di fare sesso gli rivelo il mio segreto.
Continua la lettura di Il trombatore seriale ama farlo strano

Il culo si ma se mi paghi il doppio

Questa è la storia di Giampiero e del suo rapporto con le donne. Sposato e separato da tre anni ha una ex moglie e due figlie a cui pagare gli alimenti ogni mese e con il suo stipendio di impiegato amministrativo è veramente difficile arrivare a fine mese. Sapete quelle storie di corna in cui il marito scopre la tresca della moglie e per una inspiegabile alchimia legale non solo non ha l’affidamento dei figli ma deve anche cedere la casa alla ex moglie. Una situazione come tante ma che per alcuni diventa veramente insostenibile. Ecco che Giampiero è costretto a rispolverare i suoi studi fatti all’alberghiero e trova lavoro come cameriere in un ristorante della sua zona. Soltanto il sabato e la domenica però .

Ma già è qualcosa. Magari si riesce ad arrivare a fine mese . Una vita la sua molto difficile fatta di tante inculate subite. Ma lui è forte e va avanti.
La mattina quindi in ufficio e il fine settimana al ristorante. La vita difficile di Giampiero comincia a stabilizzarsi. L’uomo si abitua a tutto ed anche alle inculate della vita.
Una sera di fine luglio, un sabato per l’esattezza, Giampiero sta lavorando ai tavoli del ristorante. Lui è uno molto preciso e puntuale ed ormai i clienti abituali hanno avuto modo di apprezzare le sue doti nel servizio al tavolo. Molto gentile ed educato ha sempre una parola dolce per i suoi clienti. Ma ecco che arriva al locale uno degli imprenditori più importanti della città.
Continua la lettura di Il culo si ma se mi paghi il doppio