Archivi tag: troia

Scopata in discoteca

Vi è mai capitato di scopare in discoteca? A me sì è vi assicuro che si tratta di un esperienza incredibile, amplificata dalla musica alta e dalla quantità di alcool che avete ingurgitato. Erano giorni ormai che puntavo una tipa che mi piaceva tantissimo, ma non sapevo ancora come e quando fare l’approccio: sapevo che non era una ragazza molto difficile, ma non era nemmeno una che la dava via a tutti, quindi ero in cerca di uno stratagemma per riuscire ad appartarmi con lei. Di vista ci conoscevamo e ci salutavamo anche, visto che frequentiamo praticamente gli stessi posti, ma non si era mai andati oltre ad un “ciao” buttato lì: la ragazza, che si chiama Barbara, lavora come commessa in un negozio di abbigliamento di una marca molto conosciuta, dove io vado spesso per comprare qualche capo.

Lei è veramente bona con un paio di tette grosse e dure: come faccio a sapere che sono dure? Semplice, perché non sballonzolano quando cammina sculettando: sì perché lei sculetta in una maniera talmente arrapante che ti fa drizzare l’uccello. Eravamo alle tette belle dure, un culo da favola, anche questo bello tosto, gambe lunghe, capelli corti biondi ed un visino niente male, con grandi occhi celesti.
Continua la lettura di Scopata in discoteca

Sesso con il mio vicino di casa

Oggi ci saranno stati almeno quaranta gradi e la città è deserta. Arrivo a casa, metto la macchina nel garage e abbasso la saracinesca. Il garage del vicino è aperto, strano a quest’ora. Mi avvicino. C’è Luciano che mette ordine, è a torso nudo con i sui vecchissimi pantaloncini e scarpe da tennis.

E’ il mio idolo. Lo ricordo ancora giovane universitario con la racchetta e quella tenuta nuova, tutto fighetto, andare a giocare a tennis e io ragazzino me lo mangiavo con gli occhi e mi distruggevo di seghe pensando a lui che pomiciava con la fidanzatina di turno. Era un ragazzo bellissimo ed è un splendido 60 enne, con il fisico asciutto, un fascino maschio, adesso ci scoperei correndo lì su due piedi. Mi fermo e lo guardo. Abbronzato, le spalle larghe e i muscoli allungati da anni di piscina, i pettorali e gli addominali definiti, tutti tesi e lucidi di sudore per lo sforzo. Lo saluto. Da quarant’anni siamo sempre le stesse famiglie e se non ci sono più i genitori c’è uno dei figli.
Continua la lettura di Sesso con il mio vicino di casa

L’interprete di inglese traduce male ma scopa bene

Mi chiamo Florinda e sono una ragazza italo americana di 39 anni. Ho vissuto negli usa fino all’età di 20 anni e poi sono tornata in Italia con la mia famiglia. Ho ricevuto un’educazione tipicamente americana e ho riscontrato parecchie difficiltà ad integrarmi. Diversi tipi di vita e , soprattutto, il modo di approcciarsi ai rapporti interpersonali completamente diverso. Io oggi vivo in una grande città e conoscere nuovi amici è molto difficile. In america,invece, non dico sia molto più facile ma le persone sono più aperte e disponibili a conoscere nuove persone.

Ho completato il mio ciclo di studi quì in Italia ed ho iniziato subito a lavora come interprete in uno studio di avvocati.
Un lavoro che non mi piace molto. Avrei preferito lavorare più a contatto con le persone ma ,si sa, in Italia il lavoro è molto difficile trovarlo e quindi bisogna cogliere al volo tutte le opportunità.
Ho iniziato a fare traduzioni per clienti danarosi che devono acquistare proprietà ed immobili in Italia. Contratti, modulistica varia e pratiche per la banca. Tutto quello che occorre per fare contratti di compravendita insomma. Ma questo lavoro sedentario svolto ne grigiore di una scrivania nasconde delle grosse insidie. Infatti nei testi da tradurre ci sono diversi termini molto tecnici che ,per essere tradotti correttamente, hanno bisogno,in molti casi, di una conoscenza approfondita di nozioni legali. Continua la lettura di L’interprete di inglese traduce male ma scopa bene

Quella sera un po’ pazza con gli amici

Siamo sempre stati un gruppo di amici molto affiatato. Compagni fin dai tempi delle scuole medie e sempre molto uniti. Ognuno poi ha preso inevitabilmente la sua strada; chi si è sposato ed ha messo su famiglia e chi, come me, è rimasto uno scapolone impenitente. In ogni caso le nostre vite sono rimaste sempre legate o da interessi in comune e dalla nostra squadra del cuore.

Ogni domenica allo stadio e poi a cenare assieme, sempre e comunque. Una di quelle sera di campionato il derby la faceva la padrone assoluto. Con le nostre belle magliette e gadget siamo andati, come sempre , allo stadio per tifare come pazzi la nostra squadra .
Una partita spettacolare, vinta 2-1 al 90° e finalmente il sorpasso al vertice. Ma quella non fu l’unica bella cosa della serata. La cena dopo la partita avrebbe riservato un’altra piacevolissima sorpresa.
Il mio amico Gianpiero aveva prenotato una escort per festeggiare ed era andato a prenderla per un cena ed un dopo cena da solo con lei. Al ristorante quindi si presenta con una sventola da Paura. Luna, 23 anni , bionda bellissima ed una gran figa. Avrebbe cenato con noi per poi trascorrere la serata con lui. Non nascondo l’invidia provata nel pensare alla gran scopata che si sarebbe fatto alla faccia nostra. Ma le sorprese dovevano ancora cominciare. Continua la lettura di Quella sera un po’ pazza con gli amici

Quella sera un po’ pazza con gli amici

Siamo sempre stati un gruppo di amici molto affiatato. Compagni fin dai tempi delle scuole medie e sempre molto uniti. Ognuno poi ha preso inevitabilemnte la sua strada; chi si è sposato ed ha messo su famiglia e chi, come me, è rimasto uno scapolone impenitente. In ogni caso le nostre vite sono rimaste sempre legate o da interessi in comune e dalla nostra squadra del cuore.

Ogni domenica allo stadio e poi a cenare assieme, sempre e comunque. Una di quelle sera di campionato il derby la faceva la padrone assoluto. Con le nostre belle magliette e gadget siamo andati, come sempre , allo stadio per tifare come pazzi la nostra squadra .
Una partita spettacolare, vinta 2-1 al 90° e finalmente il sorpasso al vertice. Ma quella non fu l’unica bella cosa della serata. La cena dopo la partita avrebbe riservato un’altra piacevolissima sorpresa. Continua la lettura di Quella sera un po’ pazza con gli amici